English EN Italian IT

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Birth Date*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Already a member?

Login
English EN Italian IT

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Birth Date*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step

Already a member?

Login

Chiusura della Grotta del Bue Marino (Filicudi) e del Cavallo (Vulcano)

Chiusura della Grotta del Bue Marino (Filicudi) e del Cavallo (Vulcano)

Dall’ estate 2020 l’associazione Filicudi Wildlife Conservation ha richiesto alla Guardia Costiera di Lipari di effettuare un intervento di messa in sicurezza di  due aree molto importanti dal punto di vista della fragilità ambientale perchè enormemente impattate dal turismo nautico durante i mesi estivi:  la Grotta del Bue Marino nell’isola di Filicudi e la Grotta del Cavallo nell’isola di Vulcano. Nonostante le ordinanze vigenti di caduta massi, durante la stagione estiva, il traffico nautico risultava incontrollato e stava contribuendo a degradare questi due siti marini. Gli ambienti di grotta nelle isole Eolie sono aree di nidificazione del Rondone comune e Rondone pallido, due migratori specie protette che scelgono proprio le cavità presenti all’interno delle grotte per deporre le loro uova. Inoltre, le grotte marine, costituiscono potenziali habitat riproduttivi per la foca monaca Mediterranea, recentemente avvistata più volte in diverse isole dell’Arcipelago. Si è richiesto pertanto la possibilità di apporre un cavo tarrozzato e delle boette al fine di delimitare la zona vietata per le barche a motore intorno a queste  aree. Troppo spesso infatti si verificano infrazioni anche a danno dei bagnanti e in barba all’ordinanza vigente.

L’Associazione Filicudi WildLife Conservation, attraverso donatori specifici, si è occupata dell’acquisto del cavo e del materiale indicato dalla Guardia Costiera come ottimale per la chiusura in sicurezza e del rispetto dell’ambiente di tali aree. Il cavo e le boette sono posizionate in collaborazione con la Guardia Costiera ogni anno a partire dal 1 Giugno e rimosse a fine Settembre.